Nuovo Progetto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il nulla

Il più grande esempio di amore che l’umanità ha avuto modo di conoscere è stato dato da un uomo, per i credenti il Figlio di Dio, che non tanto dalle sue inusuali parole di sovrumana grandezza spirituale pronunciate durante il suo atroce supplizio: ”Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno” mai prima sentite, quanto nell’aver saputo vivere, nell’abominevole morte per crocefissione romana, la totale partecipazione all’umanità sofferente, offesa e umiliata di ieri, oggi e domani.
La croce rappresenta quindi la massima espressione d’amore vissuto, il Sacrificio perfetto, universalmente riconosciuto da credenti e da non credenti. Rappresenta il Cristianesimo che innegabilmente ha influenzato la cultura occidentale tutta nel diritto, nella letteratura, nelle arti e nei costumi, assurta a simbolo di riferimento culturale di una civiltà, e cifra dell’epoca nostra!
La vista del Crocifisso non può dunque, in alcun modo, arrecare offesa all’intelligenza e alle diverse sensibilità religiose e di pensiero di chiunque, se non per motivi di: ignoranza, intolleranza o da ottuso ateismo laicista.
Ma i giudici della Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo non sono di questo parere e hanno ritenuto i sopra citati casi d’insofferenza al simbolo cristiano, meritevoli di attenzione tanto da esaminare il ricorso di un cittadino italianio al fine di vietarne l’esposizione del Crocefisso nelle aule scolastiche delle nostre scuole. Questi giudici, oltre ad esercitare indebite interferenze ignorando le leggi autonomamente formulate dai singoli Stati membri nell’ambito del Federalismo Europeo e, nello specifico, ignorando il Concordato vigente tra lo Stato Italiano e il Vaticano, tentano disconoscere il ruolo della religione cattolica nella costruzione del pubblico costume al fine di promuove un agnosticismo religioso, alieno dalla storia, cultura e tradizioni del popolo italiano. Orbene, se i simboli che pubblicamente rappresentano il cristianesimo costituirebbero offesa alle diverse sensibilità religiose e al libero pensiero, si dovrebbe, per la stessa motivazione, riformare il calendario, in quanto riferito alla nascita di Cristo, censurare i libri di storia, arte e letteratura, spogliare i musei e le pinacoteche, togliere i crocifissi dalle cime dei campanili, negli ospedali, dalle aule dei tribunali, dai crocicchi delle strade, dalle cime delle montagne e dai sentieri di campagna.
Già in passato, sull’onda dello spirito illuminista massonico, e con falsi pretesti oscurantisti, la Chiesa ha subito la mattanza del suo clero, di uomini, di donne e bambini innocenti, distruzione di chiese, conventi, beni e simboli. Più recentemente il nazionalsocialismo ha voluto sistematicamente eliminare il popolo culla del monoteismo con tutti i suoi simboli e la sua cultura. Nondimeno ha fatto il comunismo, con la più grande mattanza mai conosciuta a memoria d’uomo, per cancellare ogni traccia di religiosità nell’individuo. Traspare da questa iniziativa una scellerata volontà riformista atea determinata ad indebolire la resistenza etica e morale del pensiero religioso, quello cattolico in particolare, l’unico baluardo critico alle facili e spregiudicate speculazioni affaristiche in corso di preparazione da parte di un massonico potere  al vertice legislativo europeo, che mira a imporre nuovi stili di vita sgombri da riserve morali. Aborto, eutanasia, omosessualità, clonazione umana, licenza di costumi, droghe, sfruttamento minerario ed energetico, pandemie e carestie, endemiche o volute!, saranno, senza nessuna remora etica, più facili fonti di reddito.
Una esponente dei Radicali italiani, plaudente l'iniziativa in atto, ha detto: “E’ bene che in ogni società non ci siano riferimenti culturali e religiosi ”.
Mi domando allora: “forse vogliono imporre una società che vuole identificarsi nel nulla?”.
Si!, come nel passato più nefasto.


p.s. la bandiera Europea è costituita da un cerchio di dodici stelle gialle su uno sfondo blu. L’autore del disegno, Arsène Heitz, sostiene che rappresenta l’aureola della Madonna, descritta nell’Apocalisse di Giovanni, come era apparsa alla religiosa Suor Caterina Labouré, oggi santa. Una beffa per i giudici della Corte europea: sull’emblema che li sovrasta c’è un simbolo religioso che non potranno mai più rimuovere! E c’è un altro particolare emblematico: la bandiera venne ufficialmente adottata dall’Europa Unita nel 1955, il giorno 8 di dicembre, festa dell’Immacolata Concezione, la più grande festa mariana cattolica.
Ciò, ci è di conforto. La Madonna, dall’alto, ci protegge ancora.
Preghiamo per le Sue intenzioni.




Torna ai contenuti | Torna al menu