Nuovo Progetto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Matrimoni gay


Nell’area cattolica c’è chi tenta di far credere, mascherandole con motivazioni di carattere affettivo, che le unioni omosessuali possono essere considerate un progresso sociale e di cultura: una espressione di bene! Nell’omosessualità, come positiva espressione di bene si può considerare l’amicizia, il rispetto e la stima che esiste tra gli esseri dello stesso sesso. Ma aldilà di questa casta omosessualità vissuta in tante unioni di mutuo affetto e solidarietà, che ha valore, l’omosessualità comunemente intesa, quella dell’orgoglio Gay, rimane pur sempre un’anomalia che, nell’intimità del reciproco rapporto di consensuale sodomia, assolve un sentire egocentricamente chiuso tra gli esseri; una forzatura dell’equilibrio naturale; un asservimento dell’Ordine a scopo d’insolito piacere. Come spiegare alla legittima e innocente curiosità dei bambini quel ripugnante e sporco atto contro natura, che già gli adulti, nell’immaginarlo, si vergognano? In Luca 9-42 è scritto: “ ma chi scandalizzerà uno di questi piccoli che credono in me, è meglio per lui che gli sia legata al collo una macina d’asino e lo si getti nel mare”!

In nome di un progressismo idiota che in Europa si sta diffondendo a macchia d’olio, non ci rendiamo conto che stiamo andando verso il baratro dei valori civili, dell’etica e della morale. Non sorprende dunque che questo “offuscamento dell’intelligenza” mirato a relativizzare i valori della fede; l’UMILTA’, la CASTITA’ e la POVERTA’, abbia annebbiato anche la mente di molti cattolici. Forse non ci ricordiamo che per testimoniare l’Evangelica Verità, era stato detto: “ma sia il vostro parlare: Si, si; no, no; quello che vi è di più appartiene al male” (Mt 5-37)
Quello –“ che vi è di più” – è lussuria della mente! E’ quel buonismo che sta confondendo il lume dei cattolici; l’astuta seduzione dell’Anticristo per far credere che ciò che è permesso nella civile società non costituisce peccato! Seduzione spinta fino al sovvertimento della Verità stessa: nell’attribuire positivi valori sociali a quelle realtà che, per l’ortodossia cattolica, hanno sempre costituito, e sempre costituiranno, scandalo: eugenetica, aborto, eutanasia, omosessualità ecc., e che ora mira a sovvertire anche la ricchezza civile e religiosa del matrimonio!
  
Per i cristiani il matrimonio è un Sacramento! Che nell’unione fisica e spirituale dei ministri: l’uomo e la donna, finalizzano il reciproco amore all’apertura alla vita davanti a Dio! I figli sono dunque espressione di continuità e di somiglianza a quella finalità creatrice di Dio cui ha origine il mondo. Nella prole si realizza il misterioso e meraviglioso prolungamento di noi stessi in un altro essere, pur diverso e indipendente, tuttavia somigliante e irripetibile essere nell’infinito universo! Traccia del nostro esistere nell’eternità del tempo. Famiglia: cooperatrice della divina Creazione, cellula viva, fondamentale e insostituibile Istituto civile e religioso della nostra società.

Impossibilitata all’apertura alla vita, l’unione omosessuale, non potrà mai assurgere al valore civile del matrimonio in quanto è RADICALMENTE IMPARAGONABILE PER FINALITA’ E SOSTANZA. Ci si domanda: in forza a quale diritto si devono attribuire riconoscimenti e privilegi sociali alle unioni omosessuali, quando sono assai poco sostenute le famiglie tradizionali, già impegnate ad assolvere positivi doveri che arricchiscono la comunità civile tutta?

Pertanto, è ragionevole pensare che ogni iniziativa politica atta a riconoscere pari diritti alle unioni omosessuali come per il matrimonio civile e religioso è da ritenersi, oltre che dannosa, scellerata. Si tratta di una bassa speculazione promossa da scaltri opportunisti al fine di carpire consenso politico dal relativismo dilagante nel mondo cattolico mirato ad imporre altre e più devastanti iniziative come, ad esempio, il diritto dei gay di adottare figli! Che, se fosse riconosciuto, comporterebbe anche un imponderabile disagio sociale e danno psicologico degli adottati che ovviamente i promotori ignorano e negano.


barbadoroce@alice.it

Torna ai contenuti | Torna al menu